Dopo aver conseguito la laurea in Architettura inizia la sua carriera di scenografo lavorando, tra gli altri,  con Elio Petri (Un tranquillo posto di campagna, Le buone notizie), Marco Bellocchio ( Salto nel vuoto, Marcia Trionfale, Nel nome del padre, Il sogno della farfalla, Il gabbiano), Lina Wertmüller (In una notte di chiaro di luna, Mimì metallurgico ferito nell’onore), Fabio Carpi (Mussolini ultimo atto, Torino nera), Carlo Lizzani (Una storia semplice, L’invenzione di Morel, Ehrengard) ed Emidio Greco (Le intermittenze del cuore, Barbablù Barbablù, L’amore necessario).

 

Come scenografo e regista ha lavorato con attori tra i quali: Tomas Milian, Ugo Pagliai, Franco Castellano, Ivano Marescotti, Cecilia Dazzi, Gisella Burinato, Stefania Rocca, Remo Girone, Maddalena Crippa, Gianmarco Tognazzi, Lina Polito, Bibi Andersson, Roberto Herlitzka, Simona Cavallari, Gian Maria Volonté, Massimo Dapporto, Ennio Fantastichini, Ricky Tognazzi, Massimo Ghini, Paolo Graziosi, Tony Sperandeo, Omero Antonutti, Macha Méril, Tuccio Musumeci, Peter O’Toole, Faye Dunaway, Rutger Hauer, Nastassja Kinski, Dominique Sanda, George Eastman, Nanni Moretti, Marco Messeri, Jean-Pierre Cassel, Alessandro Haber, Lea Padovani, Caterina Boratto, Michele Placido, Michel Piccoli, Claudia Cardinale, Giancarlo Giannini, Mariangela Melato, Turi Ferro, Agostina Belli, Luigi Diberti, Ninetto Davoli, Paolo Bonacelli, Angela Molina, Franco Graziosi, Franco Nero, Henry Fonda, Giacomo Rossi Stuart, John Steiner.
Nel 1973 fonda, a Roma, “Il Politecnico”, centro culturale polivalente con cui promuove diverse iniziative a sostegno del cinema indipendente italiano tra le quali “Una sala per il cinema italiano” e “La carica dei 28”. Nel 1978 scrive e dirige lo spettacolo Risotto che diverrà il secondo spettacolo più longevo al mondo. Come regista cinematografico realizza, dal 1974 al 2004, nove film tra i quali Tra due risvegli e Giochi d’equilibrio dei teoria e tecnica del linguaggio cinematografico e semiologia dell'audiovisivo quali è anche sceneggiatore.     E’ docente del corso di Teoria e tecnica del linguaggio cinematografico e Semiologia dell'audiovisivo presso la Facoltà di Architettura Valle Giulia dell'Università di Roma “La Sapienza”.