Dopo la laurea in Filosofia, si diploma come regista presso l’Accademia Nazionale d’arte Drammatica “Silvio d’Amico” di Roma.
Attivo come critico cinematografico e teatrale per varie testate, ha lavorato come attore, tra gli altri, con Irene Papas, Mario Ferrero, Lorenzo Salveti, Attilio Corsini, Giuseppe Rocca, Renato Giordano.
Nel 2006 debutta come autore dei due atti unici Il Processo e L’Appello.
Nel 2007 debutta come regista alla Biennale di Venezia Teatro con Venezia1750 di Carlo Goldoni, da allora ha curato numerose regie teatrali dedicandosi in particolare alla riscrittura di testi classici: Sogno di una notte d’estate di William Shakespeare, Una sterminata domenica dai racconti di Guy de Maupassant, La cantatrice calva di Eugène Ionesco, Doppelgaenger di Francesco Polizzi e Christian Angeli, La cantatrice calva di Eugene Ionesco, Siamo specchio miei signori di Raymond Queneau, Metamorfosi da Ovidio, Matrimoni tre atti unici di Anton Cechov, Memorie (improbabili) di un Don Giovanni di Francesco Polizzi, Karma Party di Francesco Polizzi, Tredici variazioni sul tema di Francesco Polizzi.
Nel 2010 ha fondato il LAB121, collettivo di teatranti per la formazione e la ricerca teatrale, attualmente attivo a Milano.
Come docente ha tenuto laboratori presso la Biennale di Venezia Teatro e il Festival “Le Dionisiache” di Segesta.