Scuola Fondamenta

Corso Triennale di Recitazione

La scuola di Recitazione Fondamenta è strutturata in tre anni di studio.
L'età minima consentita per l'accesso alla Scuola è fissata a diciotto anni.
L'articolazione degli orari permette la frequenza anche per chi lavora o frequenta un corso di studio universitario.
La frequenza -da ottobre a giugno, dal lunedì al venerdì, per venti ore settimanali di studio, seicento annue- è obbligatoria.

Termini e Condizioni
Desideriamo farti sapere come conserveremo i tuoi dati, per quanto tempo e per quali finalità. Potrai in ogni momento visionare e richiedere la loro cancellazione. Consulta la nostra Informativa sulla Privacy.

Acconsento alla vostra Informativa sulla Privacy

Il piano di studio

I primi due anni sono dedicati alla formazione di base:
Ortoepìa
Vocalità
Canto
Tecniche del movimento
Espressione corporea
Teatrodanza
Biomeccanica
Analisi e formazione del personaggio
Drammaturgia dell'attore
Elementi di composizione scenica
Teoriche del teatro
Storia della messa in scena

Il terzo anno è un anno di specializzazione scenica con stage di apertura alla messa in scena teatrale e alla recitazione cinematografica.
Al termine del secondo anno di corso è previsto uno spettacolo/saggio a dimostrazione del lavoro svolto.
Al termine del terzo anno di corso è previsto uno spettacolo ideato e realizzato al massimo livello della forma scenica come strumento di visibilità ed ingresso degli allievi diplomati al futuro lavoro professionale.

See Our Story

Esercitazioni in autonomia

Oltre alle lezioni con il corpo docente gli allievi sono invitati e tenuti ad esercitarsi in autonomia nelle sale prova.
Spazi e momenti condivisi in libertà favoriscono la socializzazione tra gli allievi, alimentino un clima di collaborazione e scambio reciproci, accrescendo autodisciplina e responsabilità individuali.

Il valore dell'esperienza

Fondamenta pone l’esperienza al centro del proprio sistema. Privilegia lo studio, la ricerca, il confronto critico. Rispetta il patrimonio delle diversità, ma ne cerca l’armonica concertazione nello stile. Impone la perfezione della tecnica come passaggio obbligato verso la realizzazione artistica individuale. Il giudizio sulla qualità degli allievi si basa su criteri artistici, ma valuta appieno anche l’autodisciplina, l’impegno nello studio, nella ricerca, nell’esercizio.

Stage, seminari, incontri, scambi per tutto il percorso di studio

Per rendere ancora più completa la formazione degli allievi sono previsti inoltre stage e seminari -rivolti, con diversi livelli di partecipazione, ai tre anni di corso della Scuola- con importanti personaggi del mondo del teatro e del cinema. Negli anni si sono avvicendati a più riprese Sergio Castellitto, Luigi Lo Cascio, Michele Placido, Mimmo Cuticchio, Daniele Pecci, Luca Lazzarreschi, Carlo Quartucci, Carla Tatò, Vincenzo Salemme, Fortunato Cerlino, Ninni Bruschetta, Maurizio Scaparro, Franco Ruffini, Germano Mazzocchetti, Alessandro Quarta, Vincenzo Pirrotta, Alberto Di Stasio, Giorgio Capitani, Amedeo Fago, Ugo Maria Morosi, Fausto Paravidino, Massimo Cinque, Stefano Marcucci, Angiola Baggi, Caterina Casini, Angelo Longoni, Nicasio Anzelmo. Salutari aperture alle pratiche teatrali e cinematografiche di maggior rilievo artistico, in cui si affrontano in maniera concreta e originale temi e problemi della presenza scenica dell'attore, dell'interpretazione, del rapporto con la drammaturgia, con la composizione scenica, con la regia.

Lavorerò con professionisti del settore?

Certamente, i docenti - tutti artisti in attività - sono attori, registi, drammaturghi, musicisti, autori, casting director, stimati e rinomati con una solida esperienza nel mondo del teatro e del cinema.
Per rendere ancora più completa la formazione degli allievi, promuoverne e orientarne l’inserimento nel mondo produttivo e professionale sono previsti stage, seminari e laboratori dedicati alla conoscenza e alle pratiche della cultura materiale della scena. Queste attività sono animate da importanti personalità del mondo del cinema e del teatro.

Il corso è solo pratico?

Pratica e teoria.
Il percorso formativo intende fornire agli allievi strumenti tecnici qualificanti nel campo della recitazione per lo spettacolo dal vivo e cinematografico, promuovendo percorsi mirati a creare stili espressivi personali, che consentano l’inserimento nel mondo del lavoro in maniera autorevole ed efficace.